Si è costituita su base regionale nei giorni scorsi a Campobasso la Federtartufi Molise – Confcommercio, organismo che oggi raccoglie la stragrande maggioranza delle imprese di trasformazione e di commercializzazione del prodotto che riveste sempre più grande importanza per la promozione del territorio molisano e della sua enogastronomia. Al vertice dell’associazione è stato designato Vittorio Palombo (titolare del Centro Tartufi Molise), consiglieri Antonella Di Iorio, Antonio Colacci, Liberato Di Marco e Mauro Sferra.

Per la prima volta – dichiara in proposito il presidente di Confcommercio Molise, Paolo Spina – gli imprenditori del settore si sono seduti intorno ad un unico tavolo, dimostrando una crescita della loro cultura d’impresa, oltre alla ferma volontà di fare una massa critica capace di rappresentare un volano non solo per settore, ma anche per le altre eccellenze del territorio. Il tartufo rappresenta un comparto in continua crescita. Per noi è fondamentale dare voce e rappresentanza ai tanti imprenditori che, in questo settore, stanno portando avanti progetti ricchi di professionalità e intraprendenza. Mi riferisco agli operatori storici ma anche alle nuove attività gestite da giovani imprenditori. Il peso della nostra categoria nel settore, del resto, supera i 23 milioni di euro di fatturato, coinvolge decine e decine di dipendenti diretti e rappresenta un indotto per migliaia di lavoratori.

Finalmente si è concretizzata un ’idea che è nata oltre cinque anni fa, che per noi rappresenta l’unica strada per la crescita economica del settore. Per la prima volta – ha commentato il neo presidente Vittorio Palombo – gli operatori economici si sono uniti e ciò per noi rappresenta un evento epocale. Abbiamo aderito alla Confcommercio Molise in quanto rappresenta una grande associazione datoriale che da oltre settanta anni supporta e opera nell’interesse delle 700mila imprese aderenti. Chiederemo nell’immediato – ha proseguito Palombo – un incontro con l’assessore al ramo, Vittorino Facciolla, per conoscerci e per avviare una collaborazione costruttiva per il futuro. Siamo sicuri che farà proprie le nostre proposte. In questa direzione auspico che, anche negli altri settori delle eccellenze molisane, si possa avere la stessa lungimiranza. Possiamo dire che il Molise esiste e ad esso va data una visione di ampio e lungo respiro.”

Infine dichiara ancora il presidente Paolo Spina “Per Confcommercio Molise è importante la promozione e la difesa del tartufo molisano, riconosciuto come prodotto di grandissima qualità. Sono fermamente convinto che il prezioso tubero possa essere il vero apripista nei confronti di un mercato con un target economico di riferimento elevato, disponibile e interessato anche verso le altre nostre eccellenze nel settore cerealicolo, lattiero caseario, vitivinicolo, oleario e della trasformazione delle carni. Auspico infine che le istituzioni regionali e in particolare gli assessori di riferimento, Facciolla e Veneziale possano cogliere l’importanza e la svolta di questo evento che potrebbe portare un grande impulso alla promozione della storia del nostro territorio e alla valorizzazione delle nostre eccellenze.”

Campobasso, 4 febbraio 2017